Prohibition Party all'Alba @ Osteria all'Alba - WineBar & Cocktails, Venice [7 dicembre]

Prohibition Party all'Alba


51
07
dicembre
17:00 - 23:55

 Pagina di evento
Osteria all'Alba - WineBar & Cocktails
San Marco 5370, 30124 Venezia
Ritorna con noi ai ruggenti anni 30 e lasciati ispirare dai cocktail del proibizionismo
Per fuggire dalla noia di un normale giovedì porta con te un dettaglio nel vestiario che ricordi quell'atmosfera e riceverai una piccola sorpresa al banco!

Ti aspettiamo con bretelle e piume....ma prima dai un occhio al nostro menù!

1. French 75: Come si può sbagliare? La ricetta originale, tratta dal Savoy Cocktail Book, pubblicato nel 1930, richiede gin, succo di limone, sciroppo semplice e alcune bollicine. Una ricetta successiva
sostituisce il gin con il cognac, ma noi preferiamo l’originale.
2. Southside: Questo cocktail è conosciuto come una gemma del proibizionismo, si dice fosse la bevanda di Al Capone e della sua banda. Tipicamente fatto con gin, lime, menta e zucchero.
3. Mary Pickford: Un classico anche questo divertente miscuglio di rum bianco, succo d'ananas, liquore al
maraschino e granatina, creato da Eddie Woelke — che come molti baristi durante il proibizionismo sono
fuggiti a L'Avana, dove potendo lavorare nella legalità ha potuto trovare maggior soddisfazione.
4. Monkey Gland: Altro super classico con gin, arancio, assenzio e granatina, il suo nome significa «ghiandola di scimmia» e pare che fosse stato ideato dal barman Harry MacElhone, presso l'Harry's New York Bar di Parigi, in onore dello scienziato Serge Voronoff. Il nome si riferisce ai testicoli di scimmia:
Voronoff aveva messo a punto una pratica che prevedeva l'impianto di tessuto testicolare di scimmia
nell'uomo con l'intento di far ringiovanire il paziente.
5. Hanky-Panky: Inventato da Ada “Coley” Coleman bartender presso il Savoy Hotel dal 1903, è sostanzialmente un twist del Sweet Martini, in quanto richiede gin e vermouth dolce, ma l'ingrediente
segreto di Coley era il Fernet Branca, un amaro digestivo italiano. Aggiungendo un paio di spruzzi di
questo elisir a base di erbe, lo trasformò in un drink completamente nuovo.
6. Scofflaw: è un cocktail di bourbon, lime, vermuth dry e granatina, il suo nome è un sostantivo coniato
durante l'era del Proibizionismo per indicare una persona che beve illegalmente. È un composto delle parole Scoff (beffa) e Law (legge). Il suo significato originale era qualcuno che derideva o ridicolizzava le leggi anti-alcoliche, ma si è esteso a significare chi si oppone a qualsiasi legge, specialmente quelle difficili da far rispettare, e in particolare le leggi sul traffico.
7. Satan's Whiskers: appare per la prima volta in stampa nel Savoy Cocktail Book di Harry Craddock del
1930, ma molti lo attribuiscono all'Ambassy Club nella Hollywood del proibizionismo. Lo speakeasy fu
aperto da Adolph «Eddie» Brandstatter, ristoratore e playboy, e ha ospitato il suo personale seguito di starlets e high rollers. Satan's Whiskers è una variante del Bronx e può essere realizzato in due modi:
«liscio» con Grand Marnier o «arricciato» con orange curaço. A noi piacciono i ricci…
Discussione
image
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
Effettua una veloce registrazione o autorizzazione.

Eventi più atteso in Venezia :

La Venezia Armena
Venezia, Veneto, Italy
Leggende e fantasmi di Venezia: passeggiata serale a piedi
Venice, Italy
Festa veneziana sull'acqua - Parte prima
Rio di Cannaregio, Venezia
Chinese Man live in Venice - CS Rivolta
Centro Sociale Rivolta
Delitto a Palazzo:detective per una notte nella Venezia dell'800
Venezia, Veneto, Italy
Galata Mevlevi Ensemble - Dervisci rotanti
Teatro Goldoni (Venezia)
17/02 - Carl Brave X Franco126 - CS Rivolta, Marghera (VE)
Centro Sociale Rivolta
Visita serale alla Basilica di San Marco
FAI Giovani - Venezia
Capodanno F30 Venezia
F30 Music Addicted
23/12 > Festa Studentesca w/ Claver Gold - CS Rivolta, Marghera
Centro Sociale Rivolta